Valéry Giscard d’Estaing, più giovane presidente della Quinta Repubblica quando venne eletto (nel 1974, a 48 anni), primo capo di Stato francese non gollista, grande europeista, è morto ieri sera all’ospedale di Tours, a 94 anni, «in seguito alle conseguenze del Covid», hanno detto i suoi famigliari alla Agence France Presse. Era stato ricoverato circa due settimane fa per una insufficienza cardiaca, dopo un altro ricovero all’ospedale Georges Pompidou di Parigi a settembre. L’ultima apparizione pubblica era stata nel settembre 2019 in occasione dei funerali di un altro presidente, Jacques Chirac.

Continua a leggere l’articolo di Stefano Montefiori sul Corriere della Sera