Diversi parlamentari europei hanno sottoscritto una nota che critica la nuova proposta del Presidente del Consiglio Europeo, Charles Michel, rispetto al taglio dei fondi previsti al programma “Erasmus” per un altro 14% nella prossima programmazione UE 2021/2027.

Nel dibattito generale, e soprattutto nella mediazione tra Parlamento, Commissione e Consiglio UE – i tre soggetti che decidono del bilancio pluriennale dell’Unione che si aggira intorno ai 1.200 miliardi di euro – uno dei punti di discussione al momento meno noti al grande pubblico riguarda proprio l’investimento che l’Unione realizza sulle nuove generazioni.

Continua a leggere l’articolo del presidente di Erasmo Giacomo D’Arrigo su Huffpost Italia