Più di metà della popolazione mondiale ha trascorso le feste di Pasqua chiusa in casa. Le nazioni – più di 100 – che hanno scelto la strada del lockdown (totale o su porzioni di territorio) hanno infatti tanti abitanti da superare quasi i 4 miliardi di perone: è stato calcolato che si parla di circa il 52% della popolazione del pianeta. Una realtà mai vista che non esprime solo numeri ma che indica anche la dimensione e l’impatto che il coronavirus ha avuto su scala globale. Per usare una espressione già nota: la più grande pandemia che ha coinvolto tutti i continenti.

Solo il 18 marzo scorso erano 500 milioni le persone “bloccate”, oggi (15 aprile) sono già più di 4 miliardi e 60 milioni, mentre su 100 Paesi coinvolti, in 53 di questi il contenimento è un obbligo.

Continua a leggere l’analisi di Giacomo D’Arrigo su Huffingtonpost.it